Terroristi

binladencokeTerroristi. Con questo nome i nazisti identificavano i partigiani arroccati sulle montagne che davano loro rogne. Con lo stesso nome i piemontesi identificavano i briganti, e sempre con lo stesso epiteto gli americani chiamavano i vietcong durante il conflitto del Vietnam. I sovietici erano soliti etichettare con tale termine i mujaheddin che si permettevano di impedire loro la conquista dell’Afghanistan durante gli anni ’80. Per i palestinesi un terrorista è il soldato israeliano pronto sul confine ad entrare e sottomettere. Per l’israeliano il terrorista è l’uomo bomba che va a farsi esplodere in un cinema di Tel Aviv perché esausto e senza più speranza. Per i russi i terroristi sono i ceceni che prendono in ostaggio i teatri. Per i ceceni i terroristi sono i russi che entrano a Grozny e fanno quel che cazzo gli pare. Terrorista è chi terrorista lo fa. Terrorista è chi crea terrore. Terrorista è chi si fa esplodere uccidendo centinaia di persone, oppure chi spara sui civili e uccide anche donne e bambini. Perché sui civili si sente in dovere di bombardare la Francia in Siria e da una vita lo fa l’America, un po’ dappertutto. Sui civili ci abbiamo sparato e bombardato anche noi, sia in Libia che in Abissinia. Ma è evidente che prima di definire chi sia terrorista, bisogna distinguere la ‘tipologia’ di civili bombardati e/o uccisi. Se saremo noi a farlo, di certo saremo ‘soldati’, ‘forze di pace’, ‘alleati’. Se saranno gli altri, allora saranno di certo ‘terroristi’.

Luca Rota

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Or

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *