Siamo proprio dei coglioni

indexVada dopo centocinquantaquattro anni di accettare le barbarie piemontesi (sarebbe inutile rivangarle oggi), vada l’essere riconosciuti in tutto il globo come capitale della mafia, e vada anche beccarci l’appellativo spregiativo di ‘terroni’ (io ne sono sempre andato fiero di esserlo); ma vedere il leader della Lega venire a chiedere i voti in Meridione, questo no. La questione non so se faccia più ridere o più (decisamente) schifo. La cosa per come si presenta è alquanto ridicola, ma cessa di esserlo quando vediamo che c’è della gente che lo sostiene e lo acclama. Soltanto allora ci rendiamo conto che c’è veramente qualcosa che non va. Un partito che per anni ha basato le proprie politiche sullo ‘sfanculamento’ ad oltranza di tutto ciò che si trovasse situato da Roma in giù, ora vi discende per chiedere consensi e approvazione. Sembrerà strano, ma in questo caso il cretino non è Salvini; sono quelli che lo accolgono. A tutti quelle belle facce, avrei distribuito delle felpe (in Salvini’s style), con una scritta eloquente: “Siamo proprio dei coglioni”. Se è cosi che vanno le cose, allora meritiamo di essere gestiti da gente così, non tutti per carità, però qui bisogna generalizzare perché (da quanto dicono) siamo in democrazia, e il popolo tutto si assume l’intera responsabilità di questi eventi nefasti. Sono sicuro che nella curva del Cosenza Calcio, non si accetterebbe mai di osannare come capo ultras, uno che fino a pochi mesi prima era stato a capo della curva catanzarese (e ne aveva dette di tutti i colori sui ‘lupi silani’). La metafora non calza pienamente, ma quello che succede è un po’ la stessa cosa. Un movimento (poi partito politico) che per anni ha basato la sua esistenza sull’avversione verso il Meridione, ora viene a chiedere i voti di chi quel Meridione lo abita. Bella faccia da culo. E quel Meridione che fa? Lo accoglie come un messia. Lui Salvini, da ‘buon politico di professione’, ci prova sempre. Siamo noi che siamo proprio dei coglioni. È inutile proseguire con analisi politico – societarie. Siamo proprio dei coglioni, è assodato (non seguirà dibattito).

Luca Rota

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Or

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *