LiberalAmente chi?

10334459_660212110693251_776518630796240246_nAssistendo alla sterile coda di polemiche che il precedente articolo (“Pro” loco?) si è trascinato dietro , polemiche che di certo non hanno portato alla nascita di un dibattito per superare le criticità sollevate, ma dove al contrario, si è assistito a prese di posizioni futili, vittimistiche e alquanto “democristiane”, noi di LiberalAmente sentiamo la necessità di chiarire alcune cose in merito alla risposta ricevuta dall’ente Pro loco (in)operante a Rogliano. La nostra associazione sin dalla sua nascita (5 novembre 2010) ha sempre avuto come fine quello di ricostruire uno spirito cooperativo e di creazione culturale in un periodo come questo, di aperta decadenza non solo per il nostro paese; siamo ben consapevoli delle difficoltà di ogni tipo che abbiamo affrontato in questi quasi 4 anni di attività e di quelle che affronteremo in futuro, e siamo ben consci che un domani potremmo anche magari non esistere più come associazione, poiché un’idea vive solo se c’è un ricambio generazionale tra le persone che la condividono e la coltivano. La cosa che ci interessa maggiormente al momento (perché è l’attimo che va vissuto) è fare. E non vittimizzarci per la poca visibilità a noi riservata o per cose di questo genere. Noi andiamo avanti perché il nostro scopo è quello di migliorare le condizioni socio-culturali del nostro amato paese. Scopo che dovrebbe essere quello dell’ente sopracitato, ma da quel che si “vede” … Comprendiamo in parte chi giudica il nostro sforzo, inutile e pretestuoso, ma nonostante ciò con forza dichiariamo la nostra ferrea volontà di voler costruire qualcosa che ci renda orgogliosi di continuare a far parte di questo paese.
Perché noi questo paese lo viviamo da quasi trent’anni e vogliamo continuare a viverlo senza arrenderci all’idea di emigrare, almeno non senza aver provato a creare qualcosa di buono e senza interessi personali. Pensiamo seriamente che qui a Rogliano, sia possibile creare qualcosa di vero e positivo e ancora di più, crediamo con forza e convinzione che qui si possa stare meglio che altrove perché, qui è casa nostra. Anche questo piccolo blog nasce dall’idea di far convergere non solo idee ma, anche e soprattutto persone, verso il fine ultimo che è la crescita del nostro paese. Questo spazio altro non è che un angolo di opinione. Ecco perché la polemica sorta con un ente che si chiama Pro loco (giusto?) la sentiamo sottopelle. Il nostro scopo è quello di contribuire alla crescita del nostro comprensorio da un punto di vista culturale, sociale e politico. E per quanto riguarda noi, a parlare sono i fatti, mentre da voi attendiamo ancora quel famoso calendario che riassume tutte “le numerose attività” che avreste svolto. Ci piacerebbe poter guardare ad una Rogliano che attragga capitali e risorse umane, che faccia da traino per le nuove generazioni. Noi auspichiamo un ritorno di Rogliano a quello che era un tempo, cioè un paese guida all’interno della valle del Savuto, che strizzava l’occhio a Cosenza e non come adesso, quartiere dormitorio della stessa città bruzia. Il nostro è un sogno che ci fa tener viva la speranza in momenti difficili, un sogno che ci rinvigorisce anche quando le porte ti si chiudono in faccia, un sogno capace di farti andare avanti anche quando ti poni la fatidica domanda, “ma a me chi me lo fa fare?” Quindi cari lettori e cari amici “prolochini”, la Pro loco che vorremmo è forse un’utopia che coltiviamo nel cassetto, ma alla quale chiediamo un generoso (e doveroso) passo in avanti: che si liberi di tutte le zavorre (elettorali) del passato, di gente che da decenni siede in questo ente in modo inoperoso, che esca dalle stanze e dialoghi con i cittadini, che senta il dovere di coinvolgere tutti per creare un tessuto forte che resista anche in momenti come questi, alle intemperie socio-culturali più dure. In definitiva, vorremmo una Pro loco che contribuisca a rendere Rogliano un posto migliore e non che sia la solita fucina di consensi amichevoli e del fare/non fare. Avete mai pensato a quante attività possono essere svolte a costo zero? Tante, ma tante sul serio. Ve lo assicuriamo noi che da quasi 4 anni (senza eroismo, né vittimismo cosmico per carità) andiamo avanti senza riconoscimenti, senza soldi pubblici, ma con il solo scopo di creare qualcosa di buono per il nostro comprensorio. Attività ben visibili sul nostro blog, che le riassume tutte quante in modo trasparente. E quando in modo polemico chiedete quale sia il nome della nostra associazione, nome che conoscete abbastanza bene dato che siamo gli unici ad avere proposto qualcosa di concreto negli ultimi anni, noi vi rispondiamo in modo sincero che ci piacerebbe leggere il nome dell’ente che rappresentate su manifesti, banner e qualunque cosa sia rivolta al paese nella sua interezza, giusto per dire chiacchierando tra di noi, “beh sembra che anche loro si siano messi a fare qualcosa”. Sperando che quel giorno non sia poi così lontano, vi rinnoviamo i saluti e vi invitiamo a partecipare alle nostre iniziative che magari potranno anche non essere di vostro gradimento, ma almeno sono reali. Au revoir.

LiberalAmente

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Or

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *